Sporting

Divider
“Sporting” Percorso di Caccia Itinerante

Lo Sporting, chiamato pure Percorso di Caccia itinerante è una particolare disciplina sportiva di tiro a volo che si diversifica dal Percorso di Caccia in pedana, altrimenti definito Compak.

La caratteristica principale dello Sporting consiste nell’essere un’attività tiravolistica “di movimento”. Da una piazzola all’altra, cambiando continuamente scenari, bersagli e traiettorie. Ad ogni postazione, infatti, corrispondono macchine che lanciano i piattelli con velocità e traiettorie molto diverse tra loro contraddistinte da un numero o lettera identificativa.

Insomma, si tratta di una disciplina del tiro che non si può certo definire statica e che, forse, deve proprio a questa sorta di continua variazione il successo entusiasmante in continuo crescendo che la sta caratterizzando. In quanto, mentre per tutte le altre specialità tiravolistiche si utilizzano armi con particolari caratteristiche tecniche e balistiche, per lo Sporting non esistono esigenze particolari e possono essere altresì utilizzati con buon successo i normali fucili con i quali si pratica o si potrebbe praticare l’attività venatoria. Quindi, questo è un aspetto molto importante, anche i neofiti che volessero avvicinarsi a questa disciplina non devono affrontare ulteriori spese per l’acquisto di armi o attrezzature particolari. Oggi, in particolare, con l’aggiunta dei cosiddetti “strozzatori”, con un normalissimo fucile da caccia (doppietta, sovrapposto o semiautomatico) si possono soddisfare tutte le esigenze legate al tipo particolare di bersagli che si stanno per colpire.

A partire da febbraio di ogni anno, si assiste ad una ininterrotta serie di manifestazioni amatoriali e di gare federali Nazionali e Regionali, che si susseguono in ogni Regione e che rappresentano un vero serbatoio di nuovi atleti.

E’ fatto obbligo nello svolgimento di gare ed è vivamente consigliato negli allenamenti, utilizzare i sistemi individuali di protezione acustica e visiva.

Tutti i rifiuti prodotti da tale attività, quali bossoli, borre, piombo, oltre ai rottami dei piattelli, vengono smaltiti con cadenza periodica tramite i canali convenzionali nel totale rispetto delle norme vigenti in materia ambientale.